Translate
Ultime dal forum
Box Preferenze

Login:

Password:

Ricorda


Registrati
Richiesta password

 Utenti online: 2
 Utenti iscritti: 0
Visitatori Visitatori: 2

IP IP: 54.156.92.138

 Statistiche:
Utenti iscritti: 39
Visite al sito: 19760
Record: 33
(il 6/10/2013 - 13:53)
Articoli: 25
Download: 14
Notizie: 14
Collegamenti: 4
FAQ: 1
Blog: 135
Galleria: 14

Forum:
Topic: 2
Risposte: 22
Grafica del Sito
Calendario
Il Meteo
Chat
Loading...
Entra in Chat
Download
Sitemap
Cerca nel sito



Installazione personalizzata di Microsoft Windows XP. Indice articoli

Premessa

Visto le variabili che un utente può incontrare durante l’installazione potrebbe essere necessario modificare (o aggiungere) alcuni passaggi di questa guida. In linea di massima, comunque, con questa procedura si dovrebbe portare a termine l’installazione senza troppi problemi.

In primo luogo, se stiamo reinstallando un sistema operativo su di un PC che già utilizziamo è indiscutibile il fatto che deve essere fatto il backup di TUTTI i nostri dati: uno sbaglio (o la mancanza di una partizione separata per i documenti) in questa fase ci costerebbe un’ulcera prematura in caso di falsa manovra.

Nella fase di installazione possono sorgere inconvenienti (o errori di impostazione) dovuti all’hardware, questi purtroppo non si possono quantificare; sono imprevedibili e variano anche secondo il sistema su cui lo volete installare.

Decidere il partizionamento del disco rigido, magari prevedendo l’installazione di un secondo SO (multiboot) o per separare il sistema dai dati, è una cosa da considerare prima dell’installazione, un partizionamento successivo (con programmi dedicati di terze parti) è possibile, ma non privo di rischi.

Prima di cominciare

Avere a disposizione il CD di installazione di Microsoft® Windows XP® (e non i CD/DVD di ripristino..), munirsi dei drivers indispensabili, in particolare se il nostro HD è un S-ATA o stiamo usando un controller Raid (integrato o no alla mainboard): in quel caso bisogna trasferirli prima su floppy, ce li richiederà all’installazione, senza di essi Windows XP® non riconoscerà il disco rigido e quindi l’installazione non comincia nemmeno.

Avere già a disposizione un Antivirus ed un Firewall da installare appena finito il lavoro e PRIMA di collegarsi ad internet, scaricateli da un altro PC oppure fatevelo fare da un amico, senza di essi si rischia di vedere tutto il nostro lavoro rovinato appena finito.

Il cavo telefonico che va al modem (poco importa che modello..) deve essere scollegato durante tutta questa operazione, in caso di connessione WiFi scollegate l’access point, instruzioni successive vi indicheranno quando collegarlo.

Se non avete ancora una preferenza per antivirus e firewall (o se decidete per cambiare…), io consiglio questi:

AntiVir PE® : http://www.free-av.com/ (AntiVir PersonalEdition Classic Windows, version 7, freeware)

Guida AntiVir PE: http://www.sicurezzainrete.com/Antivir_PE_6_1.htm

Zone Alarm® : http://www.zonelabs.com/store/content/home.jsp (scegliete “ZoneAlarm” nel menu a SX, è la versione freeware)

Guida Zone Alarm: http://www.attivissimo.net/acchiappavirus/za/

Scaricatevi inoltre questa ottima utility, ci servirà in seguito:

XP-Antispy® http://xp-antispy.org/component/option,com_remositor y/Itemid,26/

Cominciamo il lavoro:

Accendiamo il PC ed entriamo nel Bios, nella maggioranza dei casi bisogna premere il tasto “Canc” subito dopo il “beep” del sistema, sulla doc della mainboard è descritta la procedura, cercate una sezione chiamata “Boot Menu”. Dentro dovreste trovare una seconda sezione “Boot Sequence” e lì troverete un minimo di tre opzioni: inserite al primo posto il CD o DVD, al secondo il vostro HD ed in terza posizione il Floppy, se c’è una quarta tipo “Other Boot Device” mettetela in “disabled”; controllate che il resto dei parametri sia corretto, i settaggi di “default” in principio sono perfettamente funzionali, salvate le modifiche ed uscite.

Ora, con il CD di Windows XP® inserito nel lettore CD, appena vedete allo schermo una dicitura tipo “Per avviare il sistema dal CD premere un tasto…” premete un tasto qualsiasi, comincerà il caricamento.

Se avete un controller Raid o disco S-ATA, altrimenti saltate questo

Se avete un controller Raid o un disco S-ATA, appena vi chiederà di premere “F6″ per caricare i driver fatelo, inserite il Floppy nel lettore, continuerà il caricamento, alla domanda dell’installazione per i driver premere la lettera corrispondente specificata (se premete invio ora salterà i driver), leggerà il Floppy e vi metterà allo schermo il drivers che avete caricato, date “invio” e si tornerà alla schermata precedente, ancora una volta “invio” ed il caricamento continuerà.

Continuate da qui

Ora si arriva alla preparazione del disco per l’installazione. Se il disco è nuovo in linea di massima potremmo partizionare in questo modo:

1. Disco C: Sistema operativo e programmi, 30 Gb sono sufficienti anche per installazioni pesanti.
2. Disco D: Swap (memoria virtuale), minimo equivalente al doppio delle Vostra memoria Ram, in ogni caso non inferiore ad 1 Gb sui sistemi moderni, vedremo poi come usarla.
3. Disco E: Documenti, questa partizione potrebbe essere la totalità restante del disco, ci permetterà di avere in una partizione separata i nostri dati e quindi in salvo se il nostro SO decidesse un giorno di andare in crash, ma non evita tutti i problemi, quindi i backup regolari restano fortemente consigliati.
4. Se si decide per una partizione supplementare (ad esempio per Linux®), lasciare un 20 Gb non partizionati, il nuovo SO si installerà in quello spazio e si potrà fare in un secondo tempo, anche se non usata non influirà in nessun modo sul sistema ed in caso di necessità la si potrà usare pure per il sistema in uso se ci si trova “stretti”. Prevedere inoltre una partizione da 20 Gb in Fat32 per lo scambio dati, Linux® ha problemi a scrivere su partizioni ntfs ma le legge a dovere, Windows® non vede assolutamente il File System di Linux®. In rete troverete alcuni software (utility) che permettono di scavalcare questa lacuna, una è “Explore2fs”, capace di leggere tranquillamente filesystem Ext2 Ext3 (forse anche scriverci, ma io faccio parte dei “timorosi” con una partizione Fat32 dedicata a queste cose..); un’altra è “Yareg” che permette di leggere il filesystem Reiserfs (ma non scrivere)..

Explore2fs lo trovate qui: http://uranus.it.swin.edu.au/~jn/linux/explore2fs.ht m, mentre Yareg lo trovate qui: http://yareg.akucom.de/ sott’inteso che sono OpenSource e free.

Tanto per dare un esempio pratico sul partizionamento:

Computer con HD da 200 Gb ed 1 Gb di ram

30 Gb per il sistema.
2 Gb per la memoria virtuale (ne useremo un po’ per i files temporanei internet).
120 Gb per i files personali (documenti), oppure la totalità di quanto resta se non si ha l’intenzione di installare altri Sistemi Operativi, e quindi il passaggio sottostante non esiste.
20 Gb da formattare in Fat32 per scambiare i files con l’altro SO.
Resteranno all’incirca 25 Gb non partizionati.

Nota per il partizionamento
Posizionarsi su “spazio non partizionato” e premere la lettera “C” alla schermata successiva, dove ci indica lo spazio totale del disco (i primi 6 zeri sono omessi, quindi 200 Gb apparirà come 200,000), cancellare quel valore ed inserire quello da voi scelto (30,000 per 30 Gb), confermare con “invio” e si torna automaticamente alla schermata precedente, ora posizionarsi ancora una volta su “spazio non partizionato”, ripetere l’operazione ed inserire il secondo valore, quindi ricominciate ancora una volta e create la successiva partizione (che questa volta può essere l’integralità dello spazio rimanente oppure meno, leggi sopra).

Se già usato, ma si è deciso di ripartire con un sistema nuovo e quindi cancellare tutti i dati al suo interno si può procedere come sopra, si dovranno solo cancellare le partizioni esistenti per poi ricrearle.
Se si decide solo di formattare la partizione C:, cioè cancellare il Sistema Operativo ed i programmi installati, non toccate niente a livello partizioni, formattate direttamente l’unità C: e proseguite con l’installazione, in questo caso i dati sulle altre partizioni saranno preservati, da usare unicamente se le partizioni non presentavano problemi (perdite di dati o altro), inoltre se si passa da un sistema in Fat32 (Windows 98® o Windows Me®) a Windows XP® meglio fare piazza pulita, il sistema di partizionamento di Windows XP® è più evoluto di quello dei precedenti (ed anche diverso), si rischiano meno incompatibilità.

Terminato questo, ed in tutti i casi, posizionarsi sulla prima partizione (CSmile, premere invio e scegliere il tipo di formattazione (io consiglio NTFS normale, non “rapido”), confermate ancora una volta e comincerà a formattare il vostro disco, non preoccupatevi adesso delle altre, avremo tutto il tempo dopo per formattarle. Al termine della formattazione di C: caricherà i files necessari e farà un “re-boot” automatico, togliete il Floppy se presente nel lettore e non toccate la tastiera, ora deve “partire” dal disco rigido.

Vi farà una serie di domande durante questa fase:

1. Scelta delle impostazioni internazionali della lingua (normalmente di default è corretto).
2. Inserimento del Gruppo di Lavoro (Organizzazione) di cui si fa parte, da settare, quest’ultimo, come sugli altri PC se si possiede una rete domestica, evitate di lasciare quello di default, evitate inoltre spazi in mezzo, cioè potrebbe essere “MIARETE” oppure “MIA-RETE”, ma evitate “MIA RETE”, a volte genera scompiglio…
3. Numero seriale del prodotto (quello sull’etichetta adesiva che dovrete incollare al case….).
4. Inserimento del nome del Computer (tipo: “PC-Camera”) e Password per l’Amministratore del sistema>(DA NON DIMENTICARE!).
5. Impostazioni data ed ora
6. Impostazione dei parametri relativi alla rete
7. Registrazione del prodotto, qui va a vuoto, il modem>DEVE ancora essere staccato, avete trenta giorni per registrarvi ed attivare Windows XP®, se per caso qualcosa va a male e dovete reinstallare il SO per più volte in un certo periodo (credo tre volte in tre mesi) dovrete poi farlo telefonicamente, è fattibile, ma comunque è sempre una noia. Scegliete l’opzione per “attivarlo in seguito”.
8. Scegliete ora il nome utente principale, se esistono inserite pure gli altri (tutti diversi da Guest, Administrator e nome da noi scelto per il PC, altrimenti sono grane d’entrata!).

Ora siamo in Windows XP®.

Installiamo i drivers necessari alle periferiche (quelle che il SO non ha riconosciuto).
Start -> pannello di controllo -> sistema -> hardware -> gestione periferiche

Si ha la lista completa dell’hardware presente nel nostro PC, quello segnato con un punto interrogativo giallo manca di driver, se ne vedete con una x rossa è o disabilitato oppure non funzionante, cosa non troppo simpatica ma per fortuna rara.

Ora dobbiamo cominciare a “smanettare” con il sistema per renderlo un po’ più efficace, comunque cominciamo con il formattare le eventuali partizioni supplementari create:
Aprite “Risorse del Computer” e troverete al suo interno le varie partizioni, primo passo un click con pulsante DX del mouse su C: -> menù a tendina -> “rinomina” e diamogli un nome (“System XP”, se come me avete poca fantasia..).
Ora il secondo, D:, che dobbiamo formattare, stessa operazione -> formatta -> scegliere il File System (qui va bene ntfs), Inserire il nome del volume (in questo caso “Swap”) ed aspettare il termine.

Se avete una sola partizione supplementare per il restante dello spazio, sempre da dove siete, posizionatevi su E:, nominatela “Documenti” e formattatela in ntfs…finito.

Se invece avete optato (da saggi..) per provare anche Linux®, saltate l’ultimo passo qui sopra, quindi continuate cosi:

Si passa quindi a E: che è stata creata da 120 Gb, qui nominatela “Documenti XP” e formattatela in ntfs (non potete in Fat32, hanno limitato l’uso di questo formato in Windows XP® a 32 Gb).
Ora passiamo ad F: da 20 Gb per lo scambio con Linux® (o altro SO non troppo compatibile ntfs), selezionare “FAT32″ nel “File System”, inserire il nome del volume “Documenti Condivisi” e dare invio, finito, lo spazio rimanente di qui non si vede, tutto normale.

Nota per la partizione da 120 Gb
Da Linux® la si può formatte in Fat32, anche se di grandi dimensioni, ma se non siete pratici è preferibile farlo come indicato sopra, nulla nega una formattazione successiva da Linux® se si rivela necessario per avere più spazio a disposizione per i documenti di questo SO.

Ora cominciamo con i giochetti di prestigio per non farci “impallinare” dal primo virus di passaggio, o almeno lo tentiamo…

Aprite il pannello di controllo -> utenti, selezionate il vostro, create la password e imponete la finestra del log-in (non l’opzione di premere “Alt+Ctrl+Canc” per immettere il nome utente), ora chiudete la sessione corrente start -> disconnetti -> disconnetti, Windows XP® si chiude ed appare la finestra di log-in, scegliete il vostro utente, inserite la password e fate l’accesso al sistema, se tutto è regolare avete le caratteristiche Administrator, quindi non siete limitati in niente, pericoloso a dir poco, ma purtroppo Windows XP® è così.

Installate ora il vostro antivirus ed il firewall, dopo questa operazione non collegatevi ancora, smanettiamo ancora un po’ offline.

Avviate una prima volta Windows Media Player®, vi chiederà alcuni parametri e nello stesso tempo crea la sua configurazione, che andremo poi a modificare, quindi richiudetelo.
Ora bisogna disabilitare alcuni servizi, roba da non beccarci sorprese nel futuro immediato.
Installate il programma XP-Antispy® ed eseguitelo, selezionate queste caselle (in questo caso con Windows XP® SP2, se avete Windows XP® SP1 alcune voci non si applicano, ma è efficace ugualmente):

In “Funzioni Media Player”
Selezionate TUTTE le caselle di quella sezione e poi in basso “Applica le impostazioni”.

In “Rapporto degli errori”selezionate questa:
1) Disabilita segnalazione errori
“Applica impostazioni”.

In “Impostazioni varie” selezionate queste:
1) Explorer, disabilita il supporto per il desktop remoto
2) Non sincronizzare con l’ora internet
3) Non mostrare più le finestre con suggerimenti (facoltativo)
4) Svuota il files di paginazione all’arresto del sistema
5) Non avviare MS Messenger con Outlook
6) Disabilita il firewall integrato
7) Pulisce la storia dei documenti recenti utilizzati (facoltativo)
Applica le impostazioni

In “Internet Explorer 6″ (da effettuare dopo un primo avvio del browser, questo passo lo dovrete fare in seguito riavviando questo programma) selezionate queste:
1) Disabilita gli aggiornamenti automatici
2) Disabilita gli aggiornamenti periodici
3) Disabilita autenticazione integrata in Windows
4) Aumenta il numero di connessioni massime ai server a 10 (facoltativo)
5) Abilita il blocco dei pop up
6) Nessun rapporto degli errori attraverso Internet Explorer
7) Pulisce la cache del sito internet allo spegnimento
Applica le impostazioni

In “Servizi” selezionate queste:
1) Disabilita servizio segnalazione errori
2) Disabilita servizio aggiornamenti automatici
3) Disabilita il servizio di time server
4) Disabilita servizio task-scheduler
5) Disabilita servizio di Messaging
6) Disabilita il servizio di firewall
7) Disabilita il Centro di sicurezza
Applica le impostazioni

In “Microsoft Messenger” selezionate questa:
1)Disinstallazione completa (è la vesione 4.7, quindi inutile)
Applica le impostazioni (a volte dà un errore, ma niente di allarmante)

“Regsrv 32 dll’s”
Non toccate niente qui, a parte la funzionalità zip se avete un altro programma dedicato, altrimenti non potrete più registrarvi in seguito.

Ora collegate il modem alla vostra linea telefonica e vedete se la vostra connessione è ok, aprite Internet Explorer® e dategli le info che necessita in base alla vostra connessione, quando è terminato il parametraggio e si apre il navigatore, fermate il caricamento della pagina premendo sul pulsante “Esc” della tastiera, quindi: Strumenti -> Opzioni Internet ed inserite la vostra pagina iniziale predefinita, ad esempio: http://www.google.it
quindi validate con Ok, chiudete e riaprite Internet Explorer®, dovrebbe essere ok, se recidiva ripetete l’operazione.

Chiudete ora Internet Explorer®, riaprite il programma XP-Antispy® e fate i settaggi relativi ad “Internet Explorer 6″, controllate che non si siano modificati gli altri parametri da voi impostati, se sì reimpostateli.
Questo controllo fatelo saltuariamente, a volte vengono modificati da programmi installati e/o aggiornamenti.

Ora ottimiziamo il sistema, giusto per dargli la possibilità di funzionare un po’ meglio.

Abbiamo creato in precedenza una partizione per i nostri documenti, facciamo in modo che il nostro bravo Windows XP® la usi di default.
Aprite risorse del computer ed entrate nell’HD (partizione) che utilizzerete a questo scopo, quindi create una cartella con queste caratteristiche: Documenti-nome_utente, sostituite “nome_utente” con il nome del vostro account, quindi:
Start -> click pulsante DX del mouse su Documenti -> menu a tendina -> Proprietà,
nella finestra che si apre in “sposta” indicargli il nuovo percorso (es: E:\Documenti-Girolamo), confermare, Windows XP® si chiuderà e dovrete rifare il login, tutto normale, da ora in poi quando dovrete salvare o aprire un documento di default vi verrà aperta quella cartella.

Passiamo allo Swap, questa operazione ha lo scopo di ottimizzare la scrittura/lettura sul disco ed evitare una rapida frammentazione dei files dovuti al lavoro del cache (memoria virtuale), non molto semplice, quindi andiamo per ordine e seguite le instruzioni alla lettera:
Start -> pannello di controllo -> sistema -> avanzare -> prestazioni -> impostazioni -> avanzate -> memoria virtuale -> cambia
Ora, di difetto, è impostata in C:, basta selezionare la partizione da noi creata (DSmile e validare la casella “dimensioni personalizzate”, inserire i valori in minimo e massimo (minimo equivalente alla quantità di Ram reale che abbiamo, massimo equivalente o inferiore al doppio, non scendere sotto i 256 Mb di minima o salire sopra i 2 Gb di massima), validare con “imposta”.
Ora si torna su C: e spuntare la relativa casella “nessun file di paging”, validare con “imposta” e riavviare il sistema, al riavvio ci accorgeremo subito di una buona quantità di spazio libero supplementre su C: (pari al valore minimo impostato anteriormente su CSmile, fatto.

Visto che la partizione della memoria virtuale difficilmente viene occupata interamente (il valore “minimo” viene occupato immediatamente, anche se non necessario..), usiamola pure per i file temporanei di Internet Explorer®, altro fattore di scompiglio del sistema e con parametri di default (il più delle volte) da far impallidire.
Create in D: (la partizione usata per lo swap) una cartella e nominatela “InternetTemp”, ora aprite Internet Explorer®
Strumenti -> Opzioni Internet
Nelle sezione “Generale” mettete la cronologia (storico) “basso”, un 3-4 giorni (o anche solo uno..) e cancellate con il pulsante tutto il “vecchio”
In “Files temporanei Internet” -> “Elimina cookies..” e confermate
Passate al lato, “Elimina file”, spuntate “Elimina tutto il contenuto non in linea” e confermate.
Ora pulsante al lato “Impostazioni” e in alto mettete lo spunto sulla prima casella in alto “All’apertura della pagina”, spazio per il cache impostate 50 Mb, ed ora “sposta cartella”, selezionate quella creata in precedenza in D:, confermate.
Windows XP® deve chiudere la sessione per effettuare la modifica, rifate il login.

- Ora cancelliamo un po’ di roba che non serve a niente, aprite Risorse del compute -> C:\Windows\Prefetch. selezionate tutti i files in essa contenuti e cancellateli, in seguito svuotate il cestino.

Ora non vi resta altro da fare che installare i Vostri programmi preferiti e le varie utility per la sicurezza. Questo è un piccolo “arsenale” che non deve mancarvi:

Sicurezza

Lavasoft AdAware®: http://www.lavasoftusa.com/support/download/ – Pulitore spyware (scegliete nella lista la versione “Ad-Aware Personal”, freeware)
SpyBot S&D®: http://www.spybot.info/ (Freeware) – Pulitore spyware
Spywareblaster®: http://www.javacoolsoftware.com/spywareblaster.html – Immunizza i navigatori più comuni
CCleaner®: http://www.ccleaner.com/ (freeware) – Pulisce registro e files temporanei.

Ufficio

OpenOffice.org®: http://www.openoffice.org – Suite office gratuta, multilingue, compatibile con documenti M$ Office (apre/modifica/salva in quei formati), insomma, da non perdere.
Acemoney®: http://www.mechcad.net/products/acemoney/ – Ottimo software free per la gestione del vostro conto corrente, più che utile..ma in inglese.
XN View®: http://www.xnview.com/ – Visualizzatore di immagini, accetta tutti i formati più comuni, rapido, efficace e free (quasi un clone di ACDSee..).
The Gimp®: http://www.gimp.org/windows/ – Potentissimo editor per immagini, naturalmente free, il primo approccio è un po’ sconcertante, ma con un po’ di abitudine non vi farà rimpiangere di certo i vari programmi a pagamento, anzi.
Qui una guida in italiano: http://www.osservatorioinformatico.it/gimp.html

Internet

Firefox®: http://www.mozilla.com/ – Browser Web molto più sicuro ed efficace di quello preinstallato sul sistema, configurabile e personalizzabile a piacimento (estensioni e temi), free.
Thunderbird®: http://www.mozilla.com/ – Client di posta, anche questo sostituisce efficacemente quello preinstallato, molto più sicuro e configurabile, free.
Mozillabackup®: http://mozbackup.jasnapaka.com/ – serve a fare i backup per il navigatore e il client di posta citati sopra, molto utile per mettere al sicuro i dati e recuperarli in caso di bisogno, free.
Gaim® : http://gaim.sourceforge.net/ – Instant Messaging (IM) client, multiprotocollo e multi piattaforma, lo potrete usare in alternativa a MSN Messenger®, meno funzioni ma la sicurezza è senz’altro molto più elevata.
aMSN® : http://amsn.sourceforge.net/ – Progetto molto interessante OpenSource, (quasi) un clone di MSN Messenger®, supporto per la WebCam e per diversi effetti grafici del “concorrente”, multi piattaforma, da non scartare se siete amanti della chat..
Freepop’s® : http://www.freepops.org/it/ – Questo è abbastanza interessante, in pratica serve a scaricare sul Vostro client di posta (quindi in locale per poterle leggere offline) la posta delle “webmail” che normalmente non lo permettono, leggete le spiegazioni sul sito sulle funzioni e su come usarlo, naturalmente free.

Multimedia:

VLC® : http://www.videolan.org/ – Questo è un lettore multimediale (audio/video) con tutti i codec necessari per poter leggere praticamente tutti i formati (mp3, DivX, DVD…), sarà quindi inutile installare codec aggiuntivi, leggerezza ed efficacia senza compromessi.

Altri programmi ed utility freeware / opensource le potrete trovarle qui: http://www.theopencd.org/

Non abbiate preconcetti, un software free (in particolare se OpenSource) molte volte ha funzionalità ed ergonomia a livelli molto alti, se opterete, ad esempio, per OpenOffice.org (citato sopra) vi renderete conto che non ha nulla da invidiare a prodotti commerciali con licenze a pagamento molto salate, con alcune marce in più, ad esempio (nel suo caso) la possibilità di esportare (trasformare) un documento che abbiamo finito di creare (o appena aperto) direttamente in formato “pdf”, cioè compatibile con tutte le piattaforme più comuni che abbiamo sul mercato, quindi utilizzabile (consultabile) da tutti.

Operazioni finali:

Installate AdAware® e SpyBoot S&D®, eseguite l’aggiornamento online ed effettuate le scansioni (uno alla volta…), eliminate tutto quello che incontrano.

Installate CCleaner®, fate una scansione del registro e dei files temporanei, eliminate tutto cosa trova.

Queste operazioni è buona norma eseguirle non troppo di rado, in particolare se navigate molto su internet, contribuiscono alla Vostra sicurezza ed al Vostro anonimato.

Installate Spywareblaster® , qui una guida su come utilizzarlo:

http://www.sicurezzainrete.com/SpywareBlaster_1.h tm

Alcuni consigli che non guastano:

Una volta installato tutti i programmi necessari è opportuno deframmentare una prima volta la partizione di sistema, da:
Risorse del computer -> click DX sul disco C: -> Proprietà -> Strumenti -> Esegui Defrag -> Deframmenta
l’operazione potrebbe durare un certo tempo, quindi non fatelo in un momento di fretta, inoltre è un lavoro abbastanza pesante per l’HD, evitate di farlo troppo sovente, se volete sapere se è necessario eseguite questa operazione:
Risorse del computer -> click DX sul disco C: -> Proprietà -> Strumenti -> Esegui Defrag ->>Analizza
in pochi secondi il sistema vi darà la risposta.

In quanto alle partizioni supplementari (poco importa quante siano) la frammentazione è di gran lunga inferiore nel tempo, un controllo saltuario per essere tranquilli ma non è sicuramente necessario farlo ora.

Tenete a mente, inoltre, che se installate una “montagna” di programmi sul Vostro PC (anche se in seguito li disinstallate correttamente..perchè non vi servono), Windows XP® si appesantirà parecchio, con un conseguente ritardo in avvio, spegnimento e rallentamento generale (più o meno visibile), in casi estremi si può arrivare all’instabilità del sistema stesso (e dovreste ricominciare tutto da capo..), quindi nel limite del possibile evitate di farlo. Evitate inoltre di installare programmi su una partizione che non sia C:, in ogni caso alcuni files si andranno ad installare sul disco di sistema, e se dovrete formattare il C: questi programmi non funzioneranno più.

Altro fattore di una certa importanza che influisce direttamente sulle prestazioni è il Desktop, tutti gli elementi (grafici o pratici) che “caricate” su di esso si faranno sentire, una foto di sfondo, anche se in formato “jpg” è “leggera”, il sistema dovrà scomprimerla per metterla allo schermo, quindi al limite è meglio farlo in anticipo trasformandola in “bmp” (The Gimp, qui sopra Wink ), formato direttamente utilizzabile da Windows XP® (sott’inteso che se non la mettete è meglio..), 50 icone sul Desktop per l’avvio rapido dei programmi sono francamente troppe, limitatevi ad una decina, le più importanti, evitate inoltre di lasciare files scaricati da internet sul Desktop (ancora peggio eseguirli a partire di li!), nella partizione secondaria (ESmile create una cartella “Download” con le relative sottocartelle per catalogarli e saranno molto più ordinati e facili da ritrovare. L’uso di “Active Desktop” nel limite del possibile evitatelo, come pure quel magnifico acquario come screen saver che durante il suo funzionamento carica la CPU a dismisura, una buona economia è disabilitarlo direttamente ed impostare il monitor che si spenga (messa in veglia) dopo 10/15 minuti di inattività, eviterà inoltre alcuni problemi (e maledizioni..) con la masterizzazione..

Si passa poi ai programmi in avvio automatico, quelli cioè che (senza chiedere niente a nessuno..) si caricano nella nostra preziosa memoria Ram e restano in background (cioè nascosti ai nostri occhi), alcuni sono assolutamente indispensabili (vedi antivirus e firewall, questa è la ragione per qui bisogna sceglierli con cura, leggeri ed efficaci..) altri francamente inutili, alcuni tradiranno la loro presenza mettendo un icona in basso a destra (vicino all’orologio), cioè la “systray”, altri nemmeno quello, la lista dei programmi in avvio automatico normalmente si trova in:
Start -> Esegui -> digitate: msconfig -> invio -> avvio
nella lista che vi apparirà ci sono quasi tutti, la casella selezionata indica che il programma si avvia alla partenza, se deselezionata no.
Alcuni programmi usano una cartella di avvio automatico, cioè:
Start -> Tutti i programmi -> Esecuzione automatica
Tutto ciò che vedete all’interno di quella cartella si avvia alla partenza, senza esclusioni (può anche essere vuota, tutto normale).
Una altro tipo di avvio automatico viene sfruttato con il Registro di sistema, la più parte sono componenti del sistema operativo stesso e dei programmi installati (qui l’importanza di fare dei backup regolari), ma purtroppo i programmatori di virus e “bestioline” simili sfruttano sovente questa strada, l’antivirus se aggiornato regolarmente dovrebbe fermarli a tempo..almeno si spera.

In questa guida è praticamente impossibile citare i programmi in questione (“buoni” o “cattivi”), leggete sul sito: http://www.notrace.it e nel forum: http://www.notrace.it/forum2 , troverete molte informazioni utili su come difendervi e magari “curarvi”, se necessario iscrivetevi e postate il problema (o dubbio), cercando di descrivere la situazione in qui vi trovate il più chiaramente possibile (titolo del messaggio compreso).
Onde evitare spiacevoli equivoci, leggete prima il regolamento: http://www.notrace.it/forum2/regolamento.asp .

Se possibile (e nel limite del possibile) evitate di utilizzare Internet Explorer® per la navigazione, Outlook®/Outlook Express® per la posta e MSN Messenger® per la chat, ammetto senza falsità che sono ottimi programmi, ma essendo su tutti i sistemi targati Microsoft® (e quindi in numero astronomico) sono quelli più presi di mira, inoltre quando si scopre una falla è quasi sempre “troppo tardi”, e viene utilizzata par infettarci e diffondere il malanno, ormai il 99.9% dei virus utilizza Internet per diffondersi.
Mozilla® Firefox® e Mozilla® Thunderbird® sono un sostituto con molti vantaggi e pochissimi inconvenienti, inoltre convivono pacificamente con i primi due.
Gaim®, dal canto suo, fa piccole meraviglie con ‘IM.
aMSN®, molto più dedicato al protocollo di MSN Messenger®, credo che sia un validissimo sostituto (supporta la Webcam), è un progetto OpenSource e ne hanno riaperto lo sviluppo. A suivre..

Infine, quando sentirete qualcuno che vi dice “se non si entra in certi siti poco raccomandabili ed amorali si è tranquilli”, potrete rispondergli tranquillamente che alcuni siti “innocenti” (per fortuna non tutti) tipo “suonerie per cellulari free” possono essere a volte molto più pericolosi e distruttivi, questa nota è giusto per levare alcuni preconcetti, il “veleno” lo si può nascondere tranquillamente nella torta di mirtilli della nonna…La prudenza non deve comunque portarvi alla paranoia, come abbiamo visto con un minimo di attenzione vi potrete già evitare una buona parte di sorprese spiacevoli.

>Toolbar, search bar, componenti aggiuntivi del browser Internet Explorer®

Io li fuggo come la peste, non mi servono. Vi dico solo che alcuni (parecchi..) non sono assolutamenti innocui come promesso dai fornitori, a Voi la scelta.

>Aggiornamenti del Sistema Operativo:

Come avrete sicuramente notato (almeno spero) vi ho fatto disabilitare gli “Aggiornamenti automatici”, non sono contro l’aggiornamento del sistema (anche se non lo faccio..se non lo stretto indispensabile), ma siccome a me fa piacere sapere cosa viene installato sulla mia macchina (e magari anche perché..), l’aggiornamento preferisco farlo direttamente sul sito della Microsoft®, questi è accessibile via Internet Explorer a questo indirizzo:
http://www.microsoft.com/ -> Microsoft Update nel menu
a questo punto saremo noi a decidere se farlo o meno, ed in che momento. La funzione “automatica” ha un qualcosa che non mi convince molto, anche solo il semplice fatto che fa le cose senza il mio consenso esplicito..
A Voi la scelta, in ogni caso prima di un aggiornamento fate un backup del registro, e dopo l’aggiornamento eseguite di nuovo XP-Antispy e rimettete a posto le “opzioni”, ed un passaggio dei pulitori è vivamente consigliato (“Alexa” viene fornita gratuitamente con Internet Explorer®, ed è uno spyware….).

Da non dimenticare:

Ricordatevi di rilanciare il PC ed entrare di nuovo nel bios per modificare la sequenza di boot, questa volta inserite in successione:

1) HD
2) CD/DVD
3) Floppy

In questo sistema l’avvio è più rapido, non cercherà di caricare il SO da un’altra periferica che non sia l’HD come principale.

Ricordarsi inoltre che nei 30 giorni successivi all’installazione è necessario attivare la Vostra licenza di Windows XP®, io ho sempre scelto il modo “anonimo”, funziona benissimo.

A proposito del Ripristino Sistema:

Senza voler entrare in conflitto con i suoi ferventi sostenitori, ho provato sulla mia pelle che il più delle volte complica la situazione invece di risolverla, quindi sul mio è disattivato, un consiglio finale è di farvi regolarmente un backup del registro di sistema (in particolare prima di operazioni azzardate..) con questa procedura:

Start -> Esegui -> digitare “regedit” (senza le virgolette) e validare
Si apre l’editor del registro, nel menu in alto scegliere Files -> Esporta -> indicare dove salvare la copia e dare un nome, attenzione, in basso dovete selezionare “tutto”, fatto.

In caso di problema basta fare la stessa operazione, ma scegliere questa volta “importa”. Tenete comunque a mente che se si modifica o cancella qualcosa vitale il SO non partirà più, quindi anche il backup del registro è una sicurezza relativamente debole.

Backup efficace e sicuro del SO:

Questo è un programma a pagamento, Norton Ghost, efficace se lo si usa correttamente, praticamente una volta installato il SO, personalizzato ed installato tutti i programmi si fa una “immagine” della partizione di sistema (o dell’intero disco), ci sono più opzioni su come crearla e su che tipo di supporto (troverete in rete guide adeguate alle Vostre esigenze), è la procedura che si usa normalmente per crearsi i CD/DVD di ripristino, quindi restaurare il sistema in modo facile e rapido diventa possibile, tenete comunque presente che se restaurate l’intero disco la vostra cartella “Documenti” risulterà irrimediabilmente vuota al finale dell’operazione (come d’altronde le mail ricevute e conservate sul client..e tante altre cose), quindi ancora una volta:

I BACKUP DEI VOSTRI DATI IMPORTANTI SONO OBBLIGATORI!!

“Bruciare” un CD a settimana non sarebbe troppo male, e nemmeno troppo caro..

Una piccola info che non guasta

Se non avete un collegamento ADSL veloce e quindi risulta dispendioso scaricare files di grandi dimensioni, sulle riviste di informatica (in edicola) molte volte si trovano già questi programmi offerti con la rivista stessa in CD/DVD allegati, controllate solo che siano le versioni più recenti, vi risparmierete ore di scaricamento e di occupazione della linea telefonica.

É opportuno chiarire che installare un Sistema Operativo da zero non è cosa semplicissima, in particolare se una parte hardware recalcitante decide di non accettare il nostro intervento (non crediate che sia troppo raro), oppure abbiamo tra le mani l’ultimo nato nel panorama Hi Tech, e quindi all’installazione il SO riconoscerà molto probabilmente meno periferiche di quelle che speravamo, quindi bisogna come minimo armarsi di pazienza ed avere una certa capacità tecnica di base per poter intervenire, in casi estremi, all’interno del PC per indagare il modello esatto della parte hardware che fa i capricci e quindi andare alla ricerca delle soluzioni.

L’autore non potrà essere tenuto responsabile per la perdita di dati o deteriorazione hardware in seguito all’applicazione della stessa.

fonte “scusate ma non lo ricordo”




Articoli casuali della stessa categoria:
> Tutte le lingue per windows vista solo versione Ultimate.
> Windows Vista ridurre lo spazio destinato al ripristino.
> WinXP SP 2 non riconosce tutto lo spazio disco disponibile.
> WinXP Eliminare le icone tenaci.
> Sbloccare Windows xp con il metodo virus Blaster.
Stampa Show Google +1 Button
Up Home-Cms Valid CSS Valid XHtml 1.0 GNU General Public License Up
Home-Cms v.4.1.3b2-mag-2017